Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Qualche  foto

Memorial Scesa
 
 
 
 
 
 

Prima squadra

juvedomo-alicese 08

La juventus Domo vince a Cerano ed è Campione d'Inverno

La Juventus Domo torna al trionfo: dopo il passo falso contro il Pontdonnaz, i granata espugnano il campo del Cerano con un netto 0-4, al termine di un match mai stato in discussione. Lucio Brando, squalificato dopo l'espulsione rimediata nel match di giovedì, schiera i suoi con un undici differente: esordisce il neo-acquisto Alliata a centrocampo, al posto di Guerra, mentre torna Klejdi Hado nel ruolo di centravanti. Dentro anche Affinito, a fare coppia con Moia nel ruolo di centrale di difesa. Fin dai primi minuti, è dominio granata: Riccardo Poi si crea la prima nitida occasione ricevendo palla al limite, creandosi lo spazio e calciando a giro verso la porta, ma Catena si fa trovare pronto. Al 28' è lo stesso Poi a prendere palla in area, ma in questo caso preferisce premiare l'inserimento in corsa di Alliata, che con un gran destro infila il portiere del Cerano. Prima presenza in maglia granata e primo gol per l'ex centrocampista del Gozzano, che con una prestazione mostruosa dimostra subito il proprio potenziale. Sugli sviluppi della rete, però, Catena protesta con il direttore di gara, colpevole di non aver fermato il gioco in occasione di una gomitata subita prima del gol da un compagno. L'arbitro decide di espellerlo, lasciando il Cerano in dieci uomini. La situazione per i padroni di casa precipita e al 40' Elia Galligani infila di testa il proprio settimo gol stagionale. Al gol numero sette segue il numero otto, firmato dallo stesso attaccante granata al quarto d'ora della ripresa. Sul finale di gara c'è spazio anche per la rete che chiude definitivamente la gara: ci pensa Ricky Poi, che di testa spinge il pallone nel sacco, per la diciassettesima volta in campionato. Termina 0-4 per la Juventus Domo, già laureatasi Campione d'Inverno.

juvedomo-alicese 03

Dopo sette vittorie consecutive la Juventus Domo cade al Curotti

Termina la striscia positiva della Juventus Domo: al “Curotti”, i granata cadono contro il Pontdonnaz con il punteggio di 0-1, dopo ben sette vittorie consecutive. Brando schiera i suoi con il consueto 4-3-3, confermando il tridente visto contro la Biellese, formato da Galligani, Elca e Poi. Ancora panchina per il bomber Klejdi Hado, che fa compagnia al nuovo acquisto Alliata. Il match inizia su ritmi molto blandi, con entrambe le squadre che fanno fatica a creare occasioni. L'undici di Cretaz ha l'attenuante di essere in emergenza offensiva, ma riesce comunque a contenere una Juve Domo poco brillante davanti, anche grazie a una prestazione individuale notevole da parte di Mariani. I granata vanno vicino al gol sul finire del primo tempo, quando Poi cerca la girata dal cuore dall'area, ma il portiere dei valdostani si rifugia in angolo. Al rientro dagli spogliatoi è Elca a suonare la carica, ma il suo destro a mezz'aria viene nuovamente neutralizzato dall'estremo difensore del Pontdonnaz. A sorpresa, al 33' della ripresa, doccia fredda per Brando e i suoi: Borettaz serve in prondità Montari, che si libera della marcatura avversaria e con un tocco angolato batte Bastianelli. Il tecnico granata, che peraltro verrà allontanato dal direttore di gara come Cretaz, si gioca il tutto per tutto inserendo anche Hado e passando al 4-2-4, ma l'assalto non porta i suoi frutti. Nel finale ci prova anche Fusco con un colpo di testa ravvicinato, ma Caresio si supera nuovamente. 

juvedomo-alicese 18

Al Curotti 4-1 alla Biellese. E' la settima vittoria consecutiva

La Juventus Domo non si ferma più. Con il 4-1 casalingo contro La Biellese arriva la settima vittoria consecutiva per la squadra di Lucio Brando che, da  Biellese, ha iniziato sia la carriera da calciatore che quella da allenatore proprio nella squadra di casa. A guidare la difesa granata rientra Fusco dopo quattro gare di stop mentre Brando  lascia a riposo Klejdi Hado, a beneficio di Alessandro Elca. La partenza granata è fulminante: al terzo minuto un disimpegno difensivo errato di Ramella lancia Elca in campo aperto, che macina metri prima di lasciare a Galligani un pallone da spingere in rete: 1-0. Cinque minuti più tardi, il raddoppio: il solito incontenibile Galligani premia l'inserimento in area di Manfroni, che imbuca la quarta rete stagionale. La squadra di mister Roano, nonostante il duro colpo, tiene alto il ritmo del pressing e tesse buone trame grazie alla qualità dei palleggiatori. Alla mezz'ora, arriva il gol che riapre la gara: in contropiede, Curtolo serve un pallone illuminante a innescare Canton, che infila Bastianelli. L'impeto dei bianconeri viene però ridimensionato al 44', quando Riccardo Poi salta secco il giovane Canton (abbassato terzino per l'infortunio di Ramella), che è costretto ad atterrarlo: rigore. Il numero dieci fredda Goio dal dischetto con il proprio sedicesimo gol in quindici partite. La rete che mette in ghiaccio il discorso partita arriva però al 12' della ripresa, con un pallonetto strepitoso di Elia Galligani. Roano si gioca quindi la carta Artiglia e inserisce il terzino Sella per liberare nuovamente in attacco Canton: al 27' è però il neo-acquisto Carfora a sfiorare il gol con un tocco sotto, su cui Bastianelli risponde presente. Per la Juve Domo ci provano anche Leto Colombo e Poi prima dello scadere, ma Goio resiste e mantiene il punteggio sul definitivo 4-1. Altri tre punti fondamentali per la formazione di Brando, che rimane a +7 dall'Alpignano in attesa del turno infrasettimanale contro il Pont-Donnaz.

juvedomo-alicese 02

Alla Juventus Domo il derby con lo Stresa

Finisce 4-0 per la Juventus Domo il derby con lo Stresa giocato al Galli di Baveno. Serve poco più di un minuto a Riccardo Poi per andare in rete e portare in vantaggio i ragazzi di Mister Brando. Lo stesso Poi raddoppia al 15° con una punizione imparabile. Il 3-0 con cui i granata chiudono il primo tempo porta la firma di Affinito. Non cambiano le cose nella ripresa e Guerra mette a segno il quarto e ultimo goal. Sfortunato Manfroni che torna a casa con il bottino di un palo e una traversa. Per lo Stresa da registare qualche spunto di Tiboni. Prima dell'incontro i giocatori di Juventus Domo e Stresa sono entrati in campo con lo striscione "Forza Fabio": incoraggiamento indirizzato al dirigente dello Stresa Fabio Marchionini che tutti speriamo di rivedere al più presto sui campi di gioco. 

 
 
 
 

Settore  giovanile

Rassegna  stampa

Chi  è online

Abbiamo 4 visitatori e nessun utente online

 
 
 
 
 
 

Ultime  News

Più  visti